Pistone Il Cocktail Culturale di Marco Pistone


MIXOLOGIA

- barmanpng

Con l’incombere dei grigiori autunnali e dei rigori invernali, la terra esausta si accinge a coricarsi nel giaciglio ancora caldo per sprofondare in una benefica letargia rigeneratrice e germinare ammantata di fulgida bellezza ai primi tepori primaverili, assecondando l`inarrestabile ciclo delle stagioni. Prima di assopirsi impudentemente sotto una candida coltre nevosa, Madre Natura elargisce gli ultimi sprazzi di energia solare concedendo le grazie dei suoi frutti più profumati ed esuberanti, che renderanno meno bui i momenti di sconforto nel susseguirsi delle giornate uggiose. Un concentrato di gioia, con il profilo e il colore dell`astro solare, che effonde balsamici principi attivi racchiusi nella scorza carnosa saturando l`aria di essenze profumose. Il succo dolce e acidulo dell`arancia, eccellente elisir di energia sfacciata, permea corpo e spirito fino a maggio inoltrato, quando ciliege e fragole porteranno rinnovata allegria in tavola.

 

La liquida alchimia aromatica del radioso bartender Marco Pistone affonda le radici profonde nella terra della Trinacria, patria adottiva dell`arancia, laddove, illo tempore, un lungimirante agricoltore autoctono ne modificò la varietà selvatica al fine di farla divenire commestibile. Evidenziare la cultura e le tradizioni più recondite della sua Terra di origine è sicuramente tra i propositi dell`estroso artista della mixologia; quando le premurose madri siciliane, al calare delle temperature autunnali, fornivano ai loro figli tutti gli accorgimenti necessari per preparare l`organismo a combattere e lenire i danni degli stati parainfluenzali.

Lo scudo di prevenzione naturale - costituito dalle spremute della succosa polpa e dalle bizzarre, ma gustosissime "Insalate di Arance" assemblate da rondelle del prezioso frutto appena raccolto, spesso accompagnate da sottili lamelle di scalogno e da qualche bocciolo di cappero, condite con un filo di olio d’oliva extravergine, una leggera presa di sale e pepe - in molti casi blandiva le spiacevoli sensazioni causate dal raffreddore e da altri malanni di stagione.  Il frutto più solare dell’Isola mediterranea, impreziosito dall'abile professionista della miscelazione, si trasforma in un capolavoro salubre di cultura commestibile perpetuando dolci ricordi adolescenziali.

 

Pistone

Il-Pistonejpg

Ingredienti: 

  • 3 spicchi di arancia bionda
  • 1 macinata di pepe nero
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • 40 gr di rum bianco


Preparazione: 

  1. Nel calice a bocca chiusa, indispensabile per rallentare la rapida dissoluzione delle essenze, adagiamo gli spicchi di arancia bionda spolverandoli di pepe nero e zucchero di canna, che avremo cura di pestare ben bene prima di introdurre le scaglie di ghiaccio fino all’orlo del bicchiere e colmare il tutto con un rum bianco di ottima fattura. 
  2. La decorazione non può che consistere in tagli fantasiosi della stessa arancia e grani interi di pepe nero. 
  3. Infine, prima di servire la composizione ricca di essenze giovevoli, occorre trafiggere le scaglie di ghiaccio con due cannucce.

 

di Eva Kottrova

02/10/2013